Le associazioni chiedono incontro al sindaco per fermare l’azione di salvataggio della fabbrica

Mancano 7 giorni alla fine della trattativa tra lo Stato e ArcelorMittal. Sette giorni e conosceremo il futuro dello stabilimento di Taranto (che molto probabilmente è stato già deciso…). Una scelta che ricadrà sulle vite di ciascuno di noi. Insieme ad altre 19 associazioni del territorio, abbiamo chiesto un incontro urgente al Sindaco Rinaldo Melucci, affinché possa portare a Roma, con forza, la voce delle associazioni e dei cittadini !Questo il testo del comunicato stampa condiviso: “Il futuro di Taranto si discute con i cittadini! Parlare a nome della città significa farsi carico e portavoce delle sue istanze! Le intenzioni espresse dal Governo per l’aumento della produzione di acciaio nell’ex Ilva sono inaccettabili, per la condizione degli impianti e per la salute di tutti!I costi che lo Stato è disposto a sostenere per il salvataggio di pessimi investitori mostrano la totale scollatura fra la politica e le reali esigenze della popolazione! Non possiamo permetterci di perdere altro tempo e altre vite in nome del profitto! Rivendichiamo il diritto alla salute e alla qualità della vita che lo Stato ha il dovere di assicurarci!Che il primo cittadino si assuma la responsabilità politica che da anni gli chiediamo, rappresentando lealmente in tutte le sedi l’urgenza della chiusura totale di tutte le fonti inquinanti, unico presupposto per la vera rinascita di Taranto!”

Le associazioni e i comitati cittadini:

AssoMarmoBenvenuti a Taranto
Donne e futuro per Taranto Libera
Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti
Comunità Emmanuel
Comitato Taranto Futura
Comitato Di Quartiere Tamburi
Deepgreen
Eu.Ta.Ca
Fondo Antidiossina
Genitori tarantini – Associazione ETS
Giustizia per Taranto
LiberiAmo Taranto – Associa

foto credit: Cosmopolismedia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: