Capitale italiana della Cultura 2022, lunedì l’atteso esito

Lunedì 18 gennaio verrà assegnato il titolo di Capitale italiana della cultura 2022. Fra le 10 finaliste c’è anche Taranto. Per la vincitrice ci sarà una dotazione statale di 1 milione di euro. Non certamente una cifra in grado di cambiare una città, ma un titolo che può farlo per la fiducia che infonderebbe nella nostra comunità. Non sarà facile per la presenza di altre candidature forti, ma Taranto ha buone possibilità di farcela per la sua storia e potenzialità. Un importante traguardo per la città che, oggi più che mai, ha assoluto bisogno di guardarsi allo specchio in un modo differente e di credere nella possibilità di cambiare. Certo, il titolo non toglierebbe nulla ai suoi problemi ambientali, ma sarebbe sbagliato pensare che non si debba costruire nulla fin quando ci sarà la fabbrica. Al contrario, ogni iniziativa capace di disegnare una Taranto diversa, è un’opportunità per erodere il potere velenifero della fabbrica sul territorio. Il problema di tutti i problemi resta lì e le sue responsabilità pure, ma noi oggi facciamo il tifo affinché Taranto possa farcela e possa apprestarsi a vivere un intenso anno a spargere il salvifico seme della cultura.

[foto del post di Peppe Frisino]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: