Dopo la sentenza di oggi l’accordo Stato-Mittal può saltare!

Fra i tantissimi elementi di valutazione politica dopo la sentenza di questa mattina, una assume rilevanza fondamentale per il futuro di Taranto: con la confisca degli impianti stabilita oggi, prende solidamente corpo una delle condizioni per la fuoriuscita di ArcelorMittal dall’acquisto degli asset dell’ex Ilva. È infatti praticamente impossibile che al 2022, data entro la quale Mittal dovrà esercitare il suo diritto di acquisto, la confisca stabilita oggi venga meno, poiché è altamente improbabile che per quella data si arrivi ad una sentenza di terzo grado che possa sovvertire la decisione odierna. Ricordiamo, infatti, che l’acquisto di Mittal delle quote societarie è vincolata alla decadenza del sequestro degli impianti, circostanza oggettivamente superata per i motivi già dettagliati. Il cielo di Taranto, oggi, ci sembra più limpido.

Chiusura, bonifiche e riconversione!!!

(Foto di Max Perrini)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: