Presidio per i diritti e contro l’arroganza di Mittal questa mattina davanti alla direzione del siderurgico

Da una parte una multinazionale predatoria, criminale ed arrogante, dall’altra un operaio licenziato per essersi semplicemente espresso, con un post su Facebook, contro l’inquinamento.
Un atto di una violenza inaudita, un attacco ai diritti dei lavoratori. Colpirne uno per educarne e zittirne mille. L’ennesima evidenza che Mittal è incompatibile con i diritti umani e con questo territorio.

Leggi tutto

Stasera a Le Iene il caso del lavoratore licenziato. Intanto il Governo si piega alle pressioni di ArcelorMittal

Questa sera la trasmissione Le Iene dedicherà un servizio sulla questione del lavoratore licenziato da ArcelorMittal per aver condiviso un post in cui invitava a vedere la fiction “Svegliati amore mio”. La troupe di Italia 1 ha fatto un blitz a Taranto, due notti fa, proiettando le immagini della fiction e le interviste a riguardo dei suoi protagonisti sulla facciata della Direzione dello stabilimento ArcelorMittal.Dietro questo gesto clamoroso di ArcelorMittal c’è non solo l’arrogante intimidazione dei propri dipendenti, ma anche la chiara volontà di mettere pressione al Governo affinché entri presto nella compagine societaria. Taranto e la sua comunità, dunque, continuano ad e

Leggi tutto

“Fino al giorno in cui mi minacciarono di non lasciarmi più leggere, non seppi di amare la lettura: si ama, forse, il proprio respiro?”

Lolita, generò scandalo per il tema trattato e fu più volte rifiutato dalle case editrici. Anche per chi non lo ha letto è familiare il titolo ed evoca nell’immaginario comune una ragazzina provocante e immatura. Narra della passione ossessiva e ingestibile di un uomo adulto, un professore, nei confronti di un’acerba ragazzina.
Lolita a Teheran narra invece della storia di Azar Nafisi, una docente universitaria che a partire dalla Rivoluzione islamica dell’ayatollah Khomeini nel ’79 fino alla fine degli anni ’90 vive enormi difficoltà ad insegnare letteratura, un’ambiente sempre più radicale, libri proibiti, musica inascoltabile e parole inaccessibili. Troverà il modo per rivendicare e divulgare libertà.

Leggi tutto

L’Avv- La Porta illustra le conseguenze della sospensiva del Consiglio di Stato nello speciale di Trm Tv

L’Avv. Leonardo La Porta è intervenuto nello speciale “Live Speciale” di Trm Tv per un approfondimento sulla questione relativa alla sospensione, concessa dal Consiglio di Stato, degli effetti della sentenza del TAR di Lecce di spegnimento dell’area a caldo dell’ex Ilva. Cosa comporta questa sospensiva e quali sono i prossimi passi della giustizia?

Leggi tutto

Emozioni ed esempi straordinari nella II edizione del premio “Giorgio Di Ponzio – Diffusori di bellezza”

Il premio “Diffusori di bellezza – Giorgio Di Ponzio”, promosso dalle associazioni Giorgioforever e Giustizia per Taranto è giunto quest’anno alla sua II edizione. Un riconoscimento pensato per le persone che compiono azioni virtuose nella nostra città e dal grande potere di sensibilizzazione rispetto ai temi cari alle due realtà. Anche quest’anno si è voluto sostenere chi le mette in pratica, spesso nel silenzio della propria quotidianità, e stimolare la fiducia nel cambiamento auspicato, facendone esempi per la nostra comunità.

Leggi tutto

Il fronte Ilva si ribella alla Magistratura

In Italia si parla di Ilva solo quando le cose si mettono male per la fabbrica. Quando, invece, la fabbrica produce e uccide a pieno regime, al resto dell’Italia non importa assolutamente nulla. E’ così che ci ritroviamo a dover subire, anche a questo giro, le ignobili sollevazioni del mondo del capitale e, ahinoi, anche di quello sindacale, da tempo tristemente allineato alle posizioni di Confindustria. Ora che il TAR ha intimato la chiusura degli impianti inquinanti, la politica a livello nazionale, Federacciai, Confindustria, forze politiche e perfino i sindacati confederali, si sono immediatamente schierati con l’industria e, come sempre, contro la Magistratura, potere

Leggi tutto

Questione Ilva: lo sciacallaggio di Salvini a “Mezz’ora in più”

“L’Ilva la risolvi dando lavoro a quegli operai e usando i soldi per le bonifiche dei tarantini. Il lavoro all’Ilva lo dai partendo con i lavori del ponte sullo Stretto”. L’ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, a ‘Mezz’ora in più’ su Rai 3. Quando si sfruttano i drammi altrui, senza peraltro conoscerli minimamente, per trarne benefici politici personali, si diventa automaticamente “sciacalli”.

Leggi tutto

Il TAR Lecce ordina la chiusura dell’area a caldo, ArcelorMittal annuncia ricorso al Consiglio di Stato

La prima sezione del TAR di Lecce ha respinto i ricorsi di ArcelorMittal e Ilva in AS (lo Stato) rispetto all’ordinanza contingibile e urgente n. 15 del 27 febbraio 2020 del sindaco di Taranto Melucci. Ha pertanto confermato quanto previsto dalla stessa, ovvero di disporre la chiusura degli impianti dell’area a caldo del siderurgico entro 60 giorni da oggi (cioè entro il 13 aprile).

Leggi tutto

Sesto giorno di requisitorie ad Ambiente svenduto: il disprezzo dei Riva per le prescrizioni ambientali

Le requisitorie della pubblica accusa nel processo Ambiente svenduto continuano a svelare evidenze di enorme gravità e lasciano sperare che potrà davvero essere fatta giustizia per quanto la nostra comunità ha dovuto subire. Qui alcuni dei passaggi più importanti della seduta di oggi da parte del PM Buccoliero dinanzi alla Corte d’Assise di Taranto

Leggi tutto